Sì. Sebbene le nostre sedi in tutto il mondo producano grandi quantità di rifiuti, adottiamo una politica globale di “riduzione, riutilizzo e riciclo” che supporta il passaggio dell’intera azienda verso un’economia circolare. Riutilizziamo le apparecchiature elettroniche quando possibile, oppure le ricicliamo in maniera responsabile attraverso gli stessi programmi che proponiamo ai clienti.

HP ha prodotto 32.000 tonnellate di rifiuti non pericolosi nel 2018, l’8% rispetto al 2017 principalmente per ragioni legate all’aumento della produzione. Abbiamo ottenuto un tasso di estromissione dalle discariche del 90,9% a livello globale e ricorriamo allo smaltimento solo come ultima risorsa. 

I principali rifiuti pericolosi che produciamo sono i liquidi degli impianti di produzione dell’inchiostro. Questi centri di produzione danno priorità alle soluzioni di trattamento dei rifiuti a basso impatto ambientale e considerano lo smaltimento come l’ultima risorsa. Sebbene la produzione di inchiostro sia fonte di rifiuti pericolosi, le cartucce d’inchiostro HP utilizzate dai clienti e nei nostri uffici possono essere riciclati e non sono considerate pericolose in molti dei nostri mercati principali. 

Abbiamo prodotto 6.910 tonnellate di rifiuti pericolosi nel 2018, con un aumento del 28% rispetto all’anno precedente.

Per saperne di più sulla produzione di rifiuti dalle attività di HP, consultare la sezione “Attività” del Rapporto sull’impatto sostenibile di HP, disponibile all’indirizzo www.hp.com/go/report.